Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Abiti e parvenza dell’antagonista

Data:

14/10/2022


Abiti e parvenza dell’antagonista

Conferenza di Riccardo Pieruccini (disegnatore e illustratore)

“Ci siamo resi conto sempre di più che la fiction spesso seguiva l’opinione popolare che a sua volta era subordinata alla direzione dei nostri governi, o più in generale della nostra società.

I “cattivi” erano sempre più spesso identificabili come i precisi nemici di una o di un'altra superpotenza o rappresentavano etnie non gradite, quando non erano semplicemente individui “socialmente inaccettabili” (brutti, sgraziati, o creatori di relazioni tossiche), soprattutto qualcosa di esterno a noi.

Inizialmente il “cattivo” era qualcosa che dovevamo tenere lontano, che doveva stare isolato dalle nostre vite, che non doveva “contaminare” la nostra presunta purezza di animo.

Oggi abbiamo una percezione più chiara di queste figure, che sempre di più perdono la loro connotazione stereotipata per diventare esseri umani come noi, se non nelle fattezze sicuramente in intenzioni e sentimenti. Il “cattivo” è diventato parte di noi, non più un personaggio esterno ma una porzione della personalità di chiunque , al punto che oggi i villain di molte serie di fiction sono diventati delle vere icone pop, segno questo di una simpatia popolare che già solo negli anni 80 sarebbe stata impensabile.

Non è più quindi “L’ABITO NON FA IL MONACO” ma più “L’OCCASIONE FA L’UOMO LADRO”.

E di pari passo l’aspetto che diamo ai cosiddetti “malvagi” si e’ sempre più evoluto, come se la nostra presa di coscienza nel riconoscere un altro essere umano ci avesse dato, un per volta e sempre di più, una visione chiara sulle sue fattezze possibili.

Nonostante questo però la tradizione del “villain” ha avuto una precisa connotazione anche nel dress-code dei personaggi e ha sfornato una serie di stili e stereotipi che perdurano ancora oggi, anche se spesso vengono usati con scopo umoristico.

Tramite il workshop diretto andremo a disegnare e analizzare vari tipi di abito indossati dai “villain”, da quelli quasi demoniaci o esotici delle produzioni dei primi anni 50-60 arrivando al dress code dei villain di oggi, che ha raggiunto delle vette di stile molto elevate.”

Ruggine

Facoltà di Filologia dell’Università di Vilnius, aula 109, oppure mediante collegamento che sarà comunicato qui un'ora prima dell'evento (intervento telecomunicato dall‘Italia mediante programma Streamyard).

La conferenza sarà anche trasmessa in diretta tramite il seguente canale https://www.twitch.tv/ruggine610

L’intervento sarà in lingua italiana con traduzione consecutiva in lingua lituana del prof. Dainius Būrė.

Informazioni

Data: Ven 14 Ott 2022

Orario: Dalle 11:00 alle 12:30

Organizzato da : IIC Vilnius, Università di Vilnius

Ingresso : Libero


Luogo:

Facoltà di Filologia dell’Università di Vilnius, aula 109, ONLINE

792